800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Se la lavatrice puzza: cause e rimedi per eliminare il cattivo odore

21 Aprile 2021

Blog Manutenzione Lavatrice Se la lavatrice puzza: cause e rimedi per eliminare il cattivo odore

È normale che il bucato abbia un cattivo odore prima di essere messo in lavatrice. Gli abiti sporchi non sarebbero tali se dopo averli indossati fossero puliti e profumati come se nulla fosse successo. È molto strano, invece, andare a ritirare il bucato e sentire che la lavatrice puzza. Non è naturale per niente, soprattutto visto l’uso di detersivi e ammorbidenti che dovrebbero garantire non solo l’igiene del bucato, ma anche la sua profumazione.

È quindi lecito domandarsi se una lavatrice che puzza possa essere sinonimo di una lavatrice rotta e se non sia il caso di chiamare un tecnico professionista.

La risposta te la dà SulSicuro: non serve! Ciò che occorre in questi casi è capire da dove abbia origine il cattivo odore e iniziare ad adottare una serie di buone abitudini per la pulizia dell’elettrodomestico.

La cause di una lavatrice che puzza

Il cattivo odore della lavatrice può dipendere da diversi fattori. Innanzitutto, devi chiederti quanto sia piena di calcare l’acqua che arriva nei rubinetti di casa. Se è troppo dura, c’è il rischio che il calcare sedimenti all’interno delle tubature. A poco a poco, si verrà a creare un odore alacre, poco piacevole che può accumularsi anche nel cestello.

Se la lavatrice puzza di fogna, invece, è probabile che il problema siano le tubature dell’impianto idraulico o l’acquedotto. Puoi averne un’ulteriore prova se senti lo stesso odore anche negli scarichi di altri elettrodomestici, in cucina o in bagno. Nel caso non fosse così, il problema potrebbe anche essere il sapone del bucato che si è depositato nei tubi di scarico, emanando un odore particolarmente sgradevole simile a quello della fogna.

Pulire e disinfettare la lavatrice è diventata un'azione sempre più fondamentale per la pulizia del bucato. Scopri ora come lavare la lavatrice!

La lavatrice può anche puzzare di muffa. In questi casi, il problema sta nella formazione di muffe e germi all’interno del cestello dovuta all’umidità che si viene a creare nell’elettrodomestico. Per evitare situazioni simili, ricorda di non lasciare il bucato troppo a lungo dentro l’apparecchio dopo che il ciclo di lavaggio è finito. Si tratta di una cattiva abitudine che aiuta la proliferazione dei batteri.

Perché la lavatrice puzza di bruciato?

Se la lavatrice puzza di bruciato, ti conviene spegnere immediatamente l’elettrodomestico e staccarlo dalla corrente. Una volta che si sarà raffreddato, devi cercare di capire da dove viene questo odore, se dalla presa o dall’elettrodomestico. In quest’ultimo caso, possono esserci diverse spiegazioni possibili. Se l’apparecchio è nuovo, potrebbe essere colpa delle parti in plastica che, riscaldate, provocano questo odore non particolarmente forte. Altrimenti, potrebbero essere i trucioli del sapone che aderiscono al riscaldatore e bruciano durante i lavaggi. In altri casi, potrebbe anche trattarsi di un guasto alla serratura della porta, del riscaldatore o dell’alimentazione. Ti conviene chiamare un tecnico per capire dove sia il problema.

Cosa fare se la lavatrice puzza?

Se la lavatrice manifesta un cattivo odore, l’unica cosa che tu puoi fare è pulirla attentamente. È un’operazione che ti potrà sembrare paradossale (c’è sempre l’acqua in circolo, non si pulisce da sola?), ma è assolutamente necessaria. Un apparecchio non pulito adeguatamente rischia non solo di puzzare e di rovinare il bucato, ma anche di rompersi presto.

Non si tratta di operazioni particolarmente complicate. L’unica difficoltà sta nel prendere l’abitudine e nel mantenere la costanza. Ci sono diverse componenti della lavatrice da pulire per bene. Vediamole nello specifico una alla volta.

Il cestello

Il cestello è la parte della lavatrice in cui si accumula la maggior parte dello sporco. Non ti sorprendere, dunque, se il cestello della lavatrice puzza! Per pulirlo è sufficiente effettuare un lavaggio a vuoto ad alte temperature almeno una volta al mese. Al posto del detersivo, potresti versare un bicchiere di aceto bianco nella vaschetta. Questo prodotto naturale è altamente indicato non solo per igienizzare l’interno della lavatrice, ma anche per eliminare i cattivi odori. Per lo sporco più ostinato, puoi aggiungere anche del bicarbonato. Ricordati di lasciare aperto il cestello alla fine di ogni lavaggio, così da permettergli di asciugarsi.

Le tubature

Il lavaggio a vuoto con aceto e bicarbonato dovrebbe essere sufficiente per rimuovere calcare e sporcizia presenti nelle tubature. Tuttavia, se l’odore dovesse persistere, ti conviene acquistare dei prodotti pensati appositamente per i tubi di scarico. In questo modo, colpendo nel segno, dovresti risolvere.

Il filtro della lavatrice

Il filtro è una componente importantissima della lavatrice perché è quello che si occupa di ripulire l’acqua di scarico dopo il lavaggio. A meno che non sia autopulente, si tratta di una parte che deve essere pulita manualmente, altrimenti ti potresti ritrovare con la lavatrice che puzza. Abbiamo già parlato di come pulire il filtro della lavatrice. Quello che aggiungiamo è che dovresti farlo almeno una volta all’anno.

La guarnizione

Se la lavatrice puzza di muffa, potrebbe essere colpa della guarnizione. È proprio questa la parte della lavatrice in cui l’acqua tende a sedimentarsi e a non asciugarsi, complice la forma della guarnizione stessa. L’ideale sarebbe preoccuparsi di asciugarla dopo ogni lavaggio, in modo da evitare l’eccessiva umidità. Per pulirla ancora meglio (nel caso tu abbia voglia o se sei costretto dalla presenza di muffe), potresti creare un composto cremoso a base di bicarbonato e limone da passare sulla parte interessata usando una spazzola di piccole dimensioni o uno spazzolino in grado di entrare anche negli spazi più insidiosi.

Cosa mettere nella lavatrice che puzza?

Aceto e bicarbonato sono due prodotti naturali facilmente reperibili che possono essere usati per i lavaggi a vuoto della lavatrice. Essi non solo igienizzano l’interno dell’apparecchio, ma aiutano a migliorare l’odore dell’elettrodomestico.

Come usare aceto e bicarbonato in lavatrice?

Per i lavaggi a vuoto puoi inserire nella vaschetta che normalmente ospita il detersivo un bicchiere di aceto bianco o, in alternativa, 250 ml dello stesso. Per quanto riguarda il bicarbonato, invece, ne basterà un cucchiaino.

Come pulire la lavatrice con aceto e sale grosso?

Se l’aceto non dovesse essere sufficiente per pulire la lavatrice, puoi ricorrere al sale grosso. Ti basta gettarne un kg all’interno del cestello e poi avviare un lavaggio a vuoto a 30 gradi con centrifuga. Prima di sciogliersi, il sale grosso favorirà una leggera abrasione delle superfici interne, eliminando eventuali tracce di sporco o di sapone incrostati.