800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Quanti watt consuma un forno?

25 Settembre 2020

Blog Manutenzione Forno Quanti watt consuma un forno?

La nostra esistenza si basa sull’energia. Qualsiasi processo, naturale o artificiale che sia, richiede la presenza di determinate quantità di fattori per attivarsi. Anche dal punto di vista spirituale è così: qualsiasi scelta che decidiamo di compiere nella nostra vita richiede una certa dose di energia per essere portata a compimento.

Ma l’energia non è illimitata. Le risorse ambientali disponibili possono esaurirsi come ci ricordano giustamente tutte le persone coinvolte nella lotta allo spreco e all’inquinamento. Inoltre, l’energia che noi usiamo ha un costo economico che può essere molto oneroso. In casa, siamo abituati a essere circondati da elettrodomestici che rendono più semplice lo svolgimento di alcune mansioni, ma questo non significa che non ci siano dei consumi.

Quanto ti costano i tuoi elettrodomestici? Scopri come risparmiare risorse economiche e ambientali attraverso la classe energetica e la riparazione!

Prendiamo il forno: molto utile per fare bella figura quando invitiamo qualcuno a cena o per deliziare il nostro palato quando siamo un po’ giù di corda. Ma quanti watt consuma un forno? È possibile puntare sul risparmio energetico con il forno?

Quali sono i consumi del forno?

Il forno elettrico è uno degli elettrodomestici della casa che consuma più energia. I livelli di questo consumo possono variare in base a diversi fattori:

  • La classe energetica di appartenenza del forno

Tutti gli elettrodomestici sono classificati in base all’energia che consumano. Ecco perché sull’etichetta dell’apparecchio trovi delle lettere dell’alfabeto che vanno dalla G alla A eventualmente accompagnata da uno o più segni +. Esiste, infatti, una scala dei consumi energetici definita dall’Unione Europea e diversa a seconda del tipo di elettrodomestico in questione. Se cerchi un forno a risparmio energetico, devi assolutamente trovarne uno che appartenga alla classe A o superiore ad essa.

Quali sono i migliori forni 2020 che potresti acquistare e quali sono le caratteristiche a cui devi prestare sempre attenzione?
  • Le dimensioni del forno

Tanto più grande è il forno, tanto più tempo ed energia richiede per creare un ambiente riscaldato. E il tempo di accensione incide sui consumi del forno.

  • Il tempo di utilizzo del forno.

L’energia consumata è inevitabilmente legata al tempo di accensione dell’apparecchio. Il consumo dei forni, poi, non è costante: c’è un picco nella parte iniziale, all’incirca nei primi venti minuti di utilizzo.

  • Il tipo di cottura del forno

È assicurato il risparmio energetico con il forno ventilato (ti ricordi la differenza tra forno statico e forno ventilato? Ne abbiamo parlato qualche tempo fa!) Il calore, infatti, si distribuisce in maniera uniforme e questo rende i tempi di cottura più veloci. Di conseguenza, i consumi del forno ventilato sono minori rispetto a quelli del forno statico.

Come calcolare il consumo medio del forno?

Per calcolare il consumo medio del forno devi moltiplicare la potenza per il numero di ore di accensione giornaliera. Il numero che ti esce deve a sua volta essere moltiplicato con il costo medio mensile dell’energia.

Per semplificare questa operazione e sapere quanti watt consuma il tuo forno, puoi anche usare un wattmetro, un dispositivo in grado di misurare i kWh consumati dal tuo elettrodomestico.

Risparmio energetico dei forni: cosa puoi fare?

Oltre che acquistare dei forni a basso consumo, ci sono altri comportamenti che puoi adottare per assicurarti di risparmiare energia e denaro.

Innanzitutto, quando cucini apri lo sportello solo quando è veramente necessario. Non serve a nulla controllare la cottura ogni 5 minuti (a meno che non lo richieda espressamente la ricetta, ma sono casi rari)! Facendo così, eviterai che si disperda il calore interno del forno, la temperatura rimarrà costante e ci sarà meno spreco di energia. Inoltre, usa l’apparecchio per cucinare più pietanze contemporaneamente, così eviti di tenere il forno acceso per ore. Usa le pirofile di pyrex: riducono i tempi di cottura!

Se devi solo scaldare il cibo, usa il forno a microonde: consuma molto di meno.

I consumi del dei forni dipendendono anche dalla manutenzione!

La manutenzione del forno è molto importante per il suo funzionamento e, di conseguenza, per il suo risparmio energetico. Le pareti dell’apparecchio possono sporcarsi di grasso o di unto ed è bene che siano pulite sia per preservare la qualità dei cibi cucinati al suo interno, sia per evitare che si formino delle ostruzioni che a lungo andare possono rovinare l’elettrodomestico.

Bisogna fare attenzione anche a eventuali guasti. Se il forno non scalda bene, l’energia spesa potrebbe essere maggiore. E allora addio al risparmio energetico del forno! Non importa quanto tu abbia puntato sui forni a basso consumo scegliendo un apparecchio di classe energetica alta: non ti salverà. Ma può salvarti un tecnico SulSicuro, specializzato nella riparazione di forni fuori garanzia.

Solitamente, quando un elettrodomestico si rompe e la garanzia è scaduta, il primo pensiero è quello di buttarlo via per sostituirlo con uno nuovo. Il forno non fa eccezione. Ebbene, se dovesse succedere a te, non farlo! Potrebbe trattarsi solo di una componente rotta da sostituire. Un volta fatto questo, il tuo elettrodomestico tornerà come nuovo e questo significa non solo che i consumi del forno torneranno a essere quelli di prima, ma anche che l’ambiente avrà un rifiuto di difficile smaltimento in meno.

Anche la produzione di elettrodomestici comporta un certo dispendio di energia e di risorse ambientali. Se essa viene limitata alle esigenze, è sicuramente un bene per il nostro pianeta.

Forni a basso consumo: qualche modello consigliato

Per scegliere il migliore forno in commercio, puoi basarti su vari fattori anche a seconda di quelle che sono le tue esigenze. Ma in termini di consumi del forno, allora devi cercare dei modelli appartenenti alla classe energetica A o superiore ad essa.

Un esempio? Il Whirlpool AKP9 780 IX. Nonostante la poca modernità dei suoi comandi (nessun display touch per i comandi, ma solo tre manopole), i suoi consumi sono nella norma grazie all’efficienza energetica della classe A. È dotato anche del programma di autopulizia che facilita la buona manutenzione dell’apparecchio.

Anche il modello a incasso Hotpoint FA3 530 H IX HA appartiene alla classe energetica A con consumi che girano intorno ai 0,79 kWh e agli 0,88 kWh a seconda della modalità di cottura.

Forni a risparmio energetico esistono: sta a te scovarli e mantenerli al meglio!