800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Funzione sleep condizionatore: che significa e come funziona

13 Maggio 2022

Blog Manutenzione Condizionatore Funzione sleep condizionatore: che significa e come funziona

Per far fronte alle numerose ondate di caldo che attraversano la nostra penisola dalle prime giornate assolate di primavera fino all’autunno serve il condizionatore. Ventilatori e ventagli possono aiutare, ma non produrranno mai la stessa sensazione di benessere dell’aria artificiale. Certo, la tentazione di creare un clima polare quando fuori ci sono quasi 40° è alta, ma bisogna resistere e impostare sempre la temperatura corretta in modo da prevenire danni alla propria salute e un consumo eccessivo d’energia.

Il problema vero nasce di notte. Bisogna tenere acceso il condizionatore oppure no? Se si dorme insieme a qualcuno, potrebbero esserci pareri contrari. Inoltre, non è detto che le temperature fresche vadano bene nel corso di tutta la notte. Ti è mai capitato di sonnecchiare sul divano dopo pranzo con il condizionatore acceso e di sentire i brividi per il freddo? Bene! Non sei tu, c’è una precisa spiegazione scientifica a tutto questo.

Modalità sleep del condizionatore per il tuo corpo

Quando si dorme, la temperatura del corpo cambia in base alle fasi del sonno.

In linea generale, possiamo distinguere tre fasi:

  • l’assopimento: è il momento in cui ci si addormenta che può durare all’incirca un’ora. Qui la temperatura del corpo diminuisce di circa 2°;
  • il sonno profondo: in questa fase il corpo è profondamente addormentato. La durata varia dalle 5 alle 8 ore e in ognuna di queste la temperatura sale e diminuisce alternativamente di 2°;
  • il risveglio: poco prima di svegliarsi, la temperatura del corpo aumenta di circa 3°.

Una bella altalena, non trovi? Di conseguenza, mantenere costante la temperatura del condizionatore a valori troppo bassi potrebbe portare ad avere brividi di freddo. Il nostro corpo sopporta meno il freddo quando è addormentato, ecco anche perché percepisce di più le basse temperature. Tuttavia, anche il sudore può rendere difficile addormentarsi. Per evitare tutto questo e mantenere il condizionatore acceso senza turbare il proprio sonno è stata inventata la funzione sleep del condizionatore.

Cosa significa modalità “sleep” nel condizionatore

La modalità “sleep” del condizionatore consente all’elettrodomestico di modificare la sua temperatura a intervalli di tempo regolati. In questo modo, si segue la curva della temperatura corporea senza provocare sbalzi troppo forti che potrebbero dar fastidio.

I migliori modelli di climatizzatori hanno al loro interno dei sensori di movimento che riescono a percepire se ti stai agitando nel sonno o meno. Questo gli consente di inviare dei segnali all’unità centrale per dirle di aumentare o diminuire la temperatura.

Anche i condizionatori portatili mettono la funzione sleep a tua disposizione. Quindi, se hai intenzione di acquistare questa tipologia poiché non hai modo di montare un climatizzatore fisso, non sarai di certo svantaggiato/a per questo.

Come trovare la funzione notte del condizionatore

Tutti i telecomandi dei climatizzatori dovrebbero avere un tasto dedicato a questa funzione. Lo dovresti riconoscere subito perché è contrassegnato dal simbolo di una mezza luna. Prima di andare a dormire, premi questo pulsante e lascia che il tuo apparecchio faccia il resto. Non devi impostare temperatura, né altro. Sarà l’elettrodomestico a fare tutto da solo.

Tutti i vantaggi della funzione sleep nei condizionatori

Ogni funzione presente negli elettrodomestici ha il compito di migliorare il tuo comfort domestico. Tutte le nuove tecnologie nascono con questo scopo: semplificare e migliorare la vita degli esseri umani. La funzione sleep non è certo da meno.

Innanzitutto, ti garantisce un sonno fresco, lungo e continuativo e ti permette di svegliarti a una temperatura regolata e confortevole, senza mal di testa, brividi di freddo o sensazione rauca in gola. Questa funzione è particolarmente adatta a chi è particolarmente sensibile agli sbalzi di temperatura.

Inoltre, questa tecnologia consente di risparmiare sulla bolletta dell’energia elettrica. Questo perché le prestazioni del condizionatore sono ridotte e pre-impostate.

La modalità notte del condizionatore: quando il rumore è un problema

Se durante la notte vieni svegliato/a non dal freddo ma da un rumore proveniente dal tuo climatizzatore, sappi che c’è un problema e non è la funzione sleep. È probabile che si sia verificato qualche guasto alle componenti interne dell’elettrodomestico.

Potrebbe trattarsi di un’ostruzione del filtro. Se senti un fischio provenire dall’apparecchio è quasi sicuramente quello il problema. Un forte sibilo, invece, potrebbe rivelare un accumulo di alta pressione nel compressore o un’inversione del flusso refrigerante. Quando ti sembra di sentire scorrere l’acqua dentro il condizionatore, il problema sta probabilmente nel tubo del gas.

Insomma, di suoni puoi sentirne tanti, ma mettersi a decifrarli di notte può essere difficile soprattutto a causa della poca lucidità data dal sonno. A quel punto, ti conviene spegnere il condizionatore e ricordarti di chiamare un tecnico professionista non appena sarà giorno. Il suo intervento risolverà la situazione e potrai tornare a utilizzare la funzione sleep del condizionatore senza problemi.

Ricordati di far controllare periodicamente il tuo climatizzatore in modo da averlo sempre in perfetta efficienza. Solo grazie a una buona manutenzione potrai ricavarne il massimo.