800 90 02 90 CHIAMA ORA, ASSISTENZA ELETTRODOMESTICI AL TUO SERVIZIO IN TUTTA ITALIA

Come scegliere un forno a microonde in poche mosse

28 Agosto 2019

Probabilmente avete già visto una serie di forni a microonde rimanendo ancora più confusi. Sappiamo bene, infatti, che di modelli in vendita ce ne sono davvero tanti e spesso si finisce col fare la scelta sbagliata, rimanendo abbagliati dalla vastità dell’offerta.

Ci sono modelli che si differenziano fra loro per dimensioni, funzioni, modalità d’uso e soprattutto per prezzo. Ognuna di queste voci è molto importante, perché a seconda delle nostre esigenze bisogna fare la scelta giusta per ottimizzare tempo, denaro e comodità.

Ad esempio, se volete fare un regalo ad una persona poco pratica di tecnologia, non serve assolutamente acquistare quei modelli con programmazioni difficili; altrettanto inutile è acquistare un forno con una cavità interna gigantesca quando in casa si vive da soli con il gatto.

Vediamo insieme una serie di consigli utili per capire come scegliere il forno a microonde ideale per voi senza annaspare tra modelli di ogni marca e tipologia.

Questione di spazi

Senza ombra di dubbio la prima cosa da valutare è lo spazio a disposizione. Di certo non potete collocare il microonde sul pavimento e neanche spostarlo di continuo, visto che il peso è di solito intorno ai 10-15 kg e dopo qualche tempo vi stuferete di farlo girare da un angolo all’altro della casa. Per gli spazi ridotti, però, esistono alcuni modelli dagli angoli smussati molto compatti, parliamo nello specifico del forno a microonde Whirpool con la linea Max. Considerate che la collocazione ideale per un microonde è quella su superficie piana e con uno spazio di almeno 5-10 cm intorno ad esso, ancora meglio se la presa di corrente è a meno di un metro, in modo da evitare l’obbligo della prolunga.

Quanti siete in famiglia?

Le dimensioni naturalmente corrispondono anche alla cavità interna, che parte da misure minori come i 10 litri per superare anche i 30 litri. Ovviamente per riscaldare l’acqua o il latte va bene anche un apparecchio di piccole dimensioni, utile anche se si cucina per un massimo di due persone, ma per altri casi non basta. Infatti, alcuni prodotti sono davvero interessanti: parliamo dei modelli combinati che diventato veri e propri forni, con questi si possono fare dei cenoni, ad esempio cuocendo arrosto con patate e tante altre ricette. Se avete una famiglia numerosa o ospiti a cena serve sicuramente un microonde di grosse dimensioni.

Vetro, plastica, alluminio? Qual è il materiale migliore per assicurarti una buona cottura e il corretto funzionamento del tuo microonde? Scoprilo qui!

I forni combinati

Come detto poc’anzi in commercio ci sono anche dei forni combinati, questi hanno rivoluzionato il mercato e il modo di utilizzare i microonde. Un forno a microonde combinato permette di cuocere sia a microonde che in cottura normale, solitamente con grill e con ventola. Questa serve per mantenere la temperatura giusta, infatti l’aria calda in eccesso esce fuori e il calore all’interno è costante. Un buon forno combinato ci permette di cuocere anche prodotti come carni e pesce in modo gustoso: risultati migliori si riescono a raggiungere proprio grazie al grill. Va detto, però, che bisogna fare attenzione al wattaggio del modello scelto, infatti un grill con elevata potenza è quasi sempre un vantaggio in più quando si tratta di cuocere prodotti come quelli da poco citati.

Il prezzo di un microonde

Per quanto riguarda il prezzo c’è molto da dire. Sicuramente questo va spesso in relazione con le dimensioni del microonde, ma non bisogna tralasciare l’importanza del kit di accessori. Infatti, capita spesso di trovare un prezzo molto elevato per un apparecchio che non è poi di grandi dimensioni. Va tenuto conto, però, proprio delle funzioni e degli attrezzi necessari. La griglia è solo una di queste, ci sono forni a microonde che possono anche cuocere a vapore per esempio: la sola vaporiera in dotazione, se comprata a parte, costa anche intorno ai 40-50 euro, a seconda dei casi. Il piatto per la funzione Crisp spesso può avere anche una maniglia in dotazione, utile per tirar fuori con maggiore semplicità la pietanza cotta. Di esempi ce ne sono tanti e vanno valutati a seconda delle proprie esigenze.

Le funzioni e la tecnologia

Come accennato nell’introduzione, i forni a microonde di ultima generazione hanno tantissime funzioni molto utili, va detto però che in molti trovano difficoltà nella programmazione di questi. Parliamo soprattutto di persone anziane che dicono di preferire le classiche vecchie manopole invece dei più recenti comandi touch. Per tutti gli altri facciamo un piccolo elenco di caratteristiche molto interessanti che meritano di essere conosciute.

  • Funzione Crisp: ideale per dorare i cibi sia sopra che sotto
  • Funzione Fitness Steam: mantenendo il sapore e i principi nutritivi prepara cibi con cottura dietetica
  • Sesto senso: in maniera automatica seleziona la cottura in base al tipo di alimento e al peso
  • Scongelamento automatico: scongela in relazione al peso dell’alimento
  • Cottura a vapore: una vaporiera in dotazione
  • Funzione di riscaldamento rapido
  • Sistema 3D: questo tipo di cottura permette alle microonde di cuocere gli alimenti in modo uniforme
  • Grill autopulente

Tutti i brand che producono forni a microonde, da Indesit a Bauknecht, da Ignis a Hotpoint-Ariston, passando anche per KitchenAid forniscono i propri prodotti di tutte queste caratteristiche per fornire al cliente dispositivi capaci di semplificare la vita di tutti i giorni, almeno in cucina. Non sono poi da sottovalutare, nel momento della scelta, le possibilità riguardanti l’assistenza.