800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Le migliori lavastoviglie del 2021

16 Febbraio 2021

Blog Manutenzione Lavastoviglie Le migliori lavastoviglie del 2021

La lavastoviglie è un elettrodomestico inventato addirittura nel lontano 1886 e oggi presente nella maggior parte delle case italiane. Grazie a lei, molte persone possono fare a meno di lavare a mano i piatti sporchi. Se ancora non ce l’hai, forse è arrivato il momento di farti questo regalo. Anche dal punto di vista dei consumi, questo elettrodomestico è migliore rispetto al lavaggio a mano.

Ma come regolarti quando devi sceglierne una per la tua cucina? Come scegliere un modello tra i tanti? Potresti regolarti in base alle tue disponibilità economiche, oppure lasciarti guidare dall’estetica o, ancora, dal consiglio di qualcuno a te vicino.

Si tratta di una decisione importante, visto che l’elettrodomestico sarà tuo complice, specie quando si tratta di invitare amici a cena. Ecco qui alcuni spunti su quali caratteristiche tenere d’occhio quando stai acquistando una lavastoviglie e alcuni modelli nuovissimi che consigliamo poiché si tratta delle migliori lavastoviglie in circolazione dell’anno.

Come scegliere le migliori lavastoviglie sul mercato

Per scegliere la lavastoviglie che fa al caso tuo devi innanzitutto sapere quale categoria andare a guardare. Esistono, infatti, due tipi di lavastoviglie: quelle a incasso, ovvero quelle integrate nei mobili della cucina, e quelle a libera installazione, in altre parole, la lavastoviglie singola. Se dai più attenzione all’arredo della tua cucina, è normale che andrai a valutare le lavastoviglie a incasso, altrimenti il singolo modello andrà benissimo.

Decidere tra i vari marchi e le varie tipologie è sempre difficile, soprattutto vista l’importanza che l’elettrodomestico ricopre nella nostra vita casalinga. Solitamente, però, i punti da valutare sono cinque. Vediamoli uno alla volta, così che tu possa arrivare il più preparato/a possibile al momento della scelta.

Il consumo energetico

Per sapere quanta energia consuma la tua lavastoviglie, devi guardare la classe energetica di appartenenza. Secondo quanto stabilito dall’Unione Europea, è obbligatorio per le aziende produttrici di elettrodomestici dichiarare nella scheda del prodotto a quale fascia energetica appartiene. Le classi sono costruite in ordine crescente dal basso verso l’alto: più si sale, meno si consuma.

Le lavastoviglie sono tra gli elettrodomestici più avanzati a livello tecnologico tanto che esistono dei modelli appartenenti alla classe energetica A+++, la più alta che esista. Dal 2013, in Europa, è proibito commerciare modelli che siano inferiori alla classe A. Ti consigliamo di puntare su una fascia alta quando acquisti il tuo elettrodomestico: spenderai un po’ di più, ma risparmierai nel tempo. Considera che, in media, una lavastoviglie di 13 coperti appartenente alla classe A+++ consuma all’incirca 235,2 kWh all’anno per una spesa di circa 70 euro. Un apparecchio appartenente alla fascia A consuma circa 333,2 kWh e ti costerà circa 99,9 euro l’anno. Questi calcoli puoi farli anche sui modelli che ti interessano poiché sull’etichetta sarà indicato il consumo in kWh per ogni lavaggio con programma standard.

Il consumo idrico

Quando si parla dei consumi della lavastoviglie, non s’intende solo l’energia, ma anche (e soprattutto) l’acqua che si usa per lavare i piatti. È importante che tu ne sia informato per sapere quale sia il risparmio più conveniente. Ricorda che non si parla solo della tua economia, ma anche di tentare di preservare l’ambiente che subisce un impatto abbastanza importante a causa del nostro stile di vita.

Quanti litri d'acqua consuma una lavastoviglie? E quanta energia elettrica? Ecco qualche consiglio per risparmiare!

I modelli contemporanei puntano tanto sull’ottimizzazione delle risorse in modo da ridurre i consumi d’acqua per ogni lavaggio. Dai 15 l d’acqua consumati per ogni ciclo in passato si è arrivati ai 7 l dei tempi moderni.

Sull’etichetta dei modelli che hai adocchiato, troverai il consumo medio d’acqua stimato dell’apparecchio. Per calcolarlo, le aziende considerano circa 280 cicli di lavaggi standard comprensivi di prelavaggio, risciacquo e asciugatura. Tieni conto che una buona media di consumi si aggira intorno ai 2500 litri l’anno.

Le dimensioni

Devi considerare bene dove vuoi mettere la tua lavastoviglie così da poterti regolare bene sulle dimensioni. Se, ad esempio, vuoi una lavastoviglie a incasso dovrai cercare un apparecchio che abbia una larghezza, una lunghezza e una profondità tale da entrare dentro il mobile. Anche se ne scegli una a libera installazione dovrai fare attenzione agli spazi a meno che tu non abbia una cucina molto grande e possa concederti il lusso di non badare alle grandezze.

La rumorosità

I modelli in vendita al giorno d’oggi sono piuttosto silenziosi.

Per avere informazioni su questa caratteristica, devi sempre fare riferimento all’etichetta del prodotto. Generalmente, una lavastoviglie può dirsi “silenziosa” se le sue emissioni sonore si aggirano tra i 40 e i 55 dB.

Ci sono dei modelli di lavastoviglie che presentano il programma “notturno” o “silenzioso”. Puoi attivarlo durante la notte, così da avere un ciclo di lavaggio ancora meno rumoroso del solito che potrà andar bene per la sera.

I programmi, le funzioni e le prestazioni aggiuntive

Tutte le lavastoviglie presentano una serie di programmi e di funzioni basilari. Solitamente, abbiamo:

  • il programma di lavaggio quotidiano;
  • il programma cristalli per asciugare al meglio le stoviglie così da non lasciare aloni;
  • il programma del lavaggio breve per piatti poco sporchi;
  • il programma ECO pensato appositamente per risparmiare acqua;
  • il programma silenzioso usa un getto d’acqua meno potente per ridurre il rumore al minimo;
  • il programma prelavaggio da mandare prima di aggiungere altre stoviglie.

A questi se ne possono aggiungere molti altri utili per lavaggi più particolari. Ad esempio, il programma delicato è pensato per le stoviglie inutilizzate da tempo che vengono cacciate fuori per occasioni speciali e prevede l’uso di poca acqua. Un altro programma molto utile è quello che riguarda il lavaggio a vapore da usare per rimuovere delle incrostazioni.

Tutti questi programmi sono un extra che solo alcuni modelli, più sofisticati e tecnologici, hanno. La stessa cosa si può dire anche delle funzioni. Più prendi una lavastoviglie moderna, più possibilità hai che la maggior parte delle funzioni sia automatizzata. Oggi ci sono in commercio alcune lavastoviglie smart che possono essere attivate tramite applicazione dal cellulare. È molto utile quando si è fuori casa.

I migliori modelli di lavastoviglie del 2021

Dopo aver fatto una panoramica delle caratteristiche da considerare quando si deve acquistare una lavastoviglie, vediamo alcuni dei modelli migliori in circolazione.

Le migliori lavastoviglie della Whirlpool

Se cerchi una lavastoviglie a libera installazione, allora devi assolutamente dare un’occhiata al modello Whirlpool WFO 3T132X. È ottima per chi ha molti piatti da lavare (la capacità massima è di 14 coperti), ma vuole comunque puntare su un elettrodomestico che riduce i consumi (la classe energetica è l’A+++). È molto silenziosa e ha una grande varietà di programmi a disposizione. Come molti degli elettrodomestici Whirlpool, è dotata della tecnologia 6° SENSO che riesce a settare i parametri del lavaggio grazie a dei sensori che rilevano la quantità di sporco delle stoviglie.

Le migliori lavastoviglie della Indesit

Tra le migliori lavastoviglie della Indesit, troviamo il modello DFG 15B1 S IT, disponibile sia in bianco che in silver. È un elettrodomestico che ha cura del design – semplice ed elegante – e che può tranquillamente adattarsi a vari stili di arredamento da cucina. La sua capacità di carico è pari a 13 coperti, i programmi presenti sono 5, ma con livelli di temperatura regolabili e la classe di efficienza energetica è la A+. La funzione Ecobonus è molto buona per ridurre i consumi idrici, energetici e i tempi del ciclo. È molto silenziosa e dà preziose indicazioni quando sta per esaurirsi il sale all’interno.

Le migliori lavastoviglie Hotpoint

Le lavastoviglie di marchio Hotpoint presentano delle innovazioni tecnologiche molto utili. La Hotpoint Active Oxygen permette di rilasciare molecole di ossigeno dentro l’apparecchio per depurarne l’aria. In questo modo, non dovrai affrettarti a togliere i piatti dai cestelli per paura che acquisiscano cattivi odori.

La Hotpoint Active 3D Zone Wash, invece, migliora il livello di pulizia senza sprecare più energie e risorse grazie alla potenza di 5 getti d’acqua da gestire per zona in base al livello di sporco e alla tipologia del carico.

Un modello che contiene entrambe queste caratteristiche è la lavastoviglie a libera installazione HFO 3C32 W O C X. Ha una grande capacità di carico (14 coperti), un’ottima classe energetica (la A+++) e una serie di programmi pensati per lavare di più e con meno consumi. È in acciaio inox ed è molto silenziosa.

Le migliori lavastoviglie Ignis e Bauknecht

Se sei alla ricerca di una lavastoviglie a incasso, punta sulla Ignis GIC 3C26. La classe energetica è la A++, è economica e ha buoni livelli di consumo e di rumorosità. Ha 6 programmi di lavaggio e alcune opzioni che ti ritorneranno particolarmente utili.

Per quanto riguarda la Bauknecht, invece, il modello a incasso a cui dovresti guardare è il BCIO 3T333 DES CH. Oltre a essere molto capiente, è un apparecchio pieno di tecnologie innovative. Grazie al 6° SENSO Power Clean riesce a rilevare lo sporco durante il lavaggio regolando i parametri di conseguenza. È molto innovativo anche il sistema 3D Airflow Power Dry che estrae il vapore dalla lavastoviglie e ne evita la dispersione in cucina. È molto silenziosa e consuma poco (la classe energetica è sempre la A+++).

Se la lavastoviglie si rompe, chiama il tecnico

Anche se la qualità della tua lavastoviglie è buona, un guasto può sempre capitare. Se l’elettrodomestico è ancora in garanzia, va bene. Ma cosa farai quando la garanzia sarà scaduta? Non consultare subito i cataloghi online per vedere il modello migliore dell’anno, ma cerca un aiuto competente. Spesso basta un tecnico certificato e in gamba per risolvere in pochi minuti il danno della lavastoviglie ed evitare così un’ingente spesa per comprarne una nuova. La riparazione di elettrodomestici fuori garanzia non solo è possibile, ma è anche una scelta economica.