800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Frigorifero da incasso: pro e contro

28 Giugno 2019

Il frigorifero è sempre al centro delle nostre case, nel tempo è diventato un elettrodomestico irrinunciabile. Meglio farlo da incasso o a libera installazione?

Sono veramente tantissime le questioni che si presentano quando vogliamo comprare o cambiare la cucina: colore, modello, tipo di sportelli, paraschizzi in maioliche ecc. Per non parlare poi degli elettrodomestici! Piano cottura a gas o induzione? Forno rialzato, grande, piccolo o a microonde? E infine il frigorifero, meglio acquistarne uno da incasso o a libera installazione? Se non possiamo risolvere tutti i dubbi, sicuramente qua proveremo a valutare insieme i pro e i contro di un frigorifero da incasso, in modo da rispondere almeno a una domanda.

Piccole premesse

Per i più attenti all’ambiente e alle bollette, diciamo subito che dal punto di vista dei consumi energetici non troviamo grandi differenze. Come per tutti gli elettrodomestici dobbiamo dare attenzione alle classi, ovvero se si tratta di A+, A++ o A+++, infatti tutti i produttori – sia di frigoriferi da incasso che a libera installazione – sono allineati sulle direttive europee.

Frigo da Incasso: un po’ di storia

Il frigorifero come elettrodomestico nasce come free standing, è solo dagli anni ’70 che viene quasi soppiantato del tutto dal frigorifero a incasso. Questo perché nasce la cucina componibile, in cui ogni pezzo è inserito nel modello e in sinergia con il progetto generale. Oggi sembra ci sia un’inversione di tendenza, per il timore che il frigorifero da incasso sia meno capiente e che possa rompersi prima, causando anche più danni perché è più complicato da smontare. Non è esattamente vero, e nemmeno proprio falso, vediamo insieme le caratteristiche in modo da stabilire meglio i pro e i contro di uno e dell’altro modello.

Il frigorifero da incasso: le caratteristiche

Sicuramente più elegante alla vista, il frigorifero da incasso si integra perfettamente nella cucina senza creare disarmonie o cambi repentini di linea estetica, mantenendo una continuità con lo stile della nostra casa. Sfatiamo subito un falso mito: non è vero che i frigoriferi incassati si rompono prima di quelli a libera installazione, la durata è la stessa. Il problema potrebbe sorgere solo nel caso in cui fosse stato installato in maniera scorretta all’interno della colonna in cui è contenuto, solo in questa circostanza si potrebbe verificare la rottura del compressore, abbreviando notevolmente la durata di vita dell’elettrodomestico. Per consentire un perfetto funzionamento del frigorifero a incasso, la colonna in cui è inserito deve prevedere dei punti in cui l’aria riesca a passare per una corretta ventilazione. Sempre con questo scopo, non bisogna mai chiudere il vuoto sanitario presente sul retro della colonna. Altre soluzioni per favorire il ricircolo d’aria possono essere quello di posizionare delle griglie sullo zoccolo della cucina o utilizzare come base della colonna un supporto in plastica forata che permetta all’aria di passare.

Casi in cui il frigorifero da incasso potrebbe dare problemi

Ci sono alcuni casi in cui c’è la possibilità che il frigorifero da incasso non abbia una buona riuscita: non è colpa del modello, spesso si tratta di una sbagliata installazione effettuata da personale poco competente. In questo caso il frigo potrebbe rompersi in breve tempo, è opportuno quindi valutare ogni aspetto dell’installazione dell’elettrodomestico, non solo la qualità di quest’ultimo. Nel caso in cui il frigorifero si rompesse, potremmo avere diversi problemi perché il modello che abbiamo nella nostra cucina è uscito fuori produzione. Essendo vincolati alla misura standard della colonna che ospita l’elettrodomestico dovremmo stare molto attenti a trovare un frigorifero da incasso con le stesse misure e che sia quindi compatibile con quello vecchio.

Contro: la capienza

Dovendo entrare nella colonna contenitore, il frigorifero da incasso ha misure ridotte rispetto a quello free standing. Questa purtroppo è l’unica nota dolente nella scelta, anche se ad oggi possiamo ovviare tranquillamente il problema: le case produttrici – per andare incontro alle esigenze anche delle famiglie più numerose – hanno pensato dei frigoriferi da incasso XL, modificando un po’ le misure, ovvero aumentando il volume in altezza e ottimizzando la capienza.

Il frigorifero a libera installazione

Il primo pro è sicuramente il prezzo: a parità di costo le prestazioni di un frigorifero free standing sono migliori. Il secondo è la capacità, questo modello è molto più capiente rispetto al frigorifero da incasso. Attenzione, questa potrebbe essere un’arma a doppio taglio: non tutti hanno bisogno di un frigorifero grande, un single o una coppia giovane che spesso si trova a mangiare fuori casa, potrebbero avere la tentazione di riempirlo, con il risultato di non riuscire a consumare tutti gli alimenti prima della data di scadenza. Potrebbe risultare scomodo e poco utile anche se abbiamo una cucina piccola, toglierebbe molto spazio al movimento o a un eventuale piano d’appoggio. C’è però da dire che il frigorifero a libera installazione – a differenza del frigorifero da incasso – è facile da spostare, sia per le pulizie, sia se intendiamo cambiare la sede dedicata all’elettrodomestico. Ultimo aspetto da considerare, che però è da valutare caso per caso è l’estetica: se a molti non piace, molti altri gradiscono i nuovi modelli proposti dal design accattivante in acciaio ultramoderno o – all’opposto – colorato vintage.

Lunga vita al frigorifero

Che sia da incasso o free standing, è importante anche per il frigorifero un po’ di manutenzione, in modo da allungare la vita all’elettrodomestico, ponendo rimedio ai piccoli inconvenienti che si possono presentare. Non comporta un grande impegno, basta prestare delle piccole attenzioni. Ad esempio sarebbe ottimale pulire la serpentina – periodicamente, non molto spesso – sul retro per uno scambio ottimale di calore con l’esterno. Come fare? Basta passarci sopra con l’aspirapolvere per eliminare ogni residuo. Se sentite un rumore di ronzio, potrebbe essere il motore poco stabile: cerchiamo d stabilizzarlo con dei colpetti o riavvitando le viti allentate. Controlliamo sempre la verticalità esatta del frigorifero, nel caso in cui non fosse perfettamente verticale rimoduliamo uno dei piedini regolabili. Togliamo sempre qualsiasi residuo di ruggine, che a lungo andare potrebbe danneggiare seriamente il nostro elettrodomestico.