800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Asciugatrice senza scarico: si può?

13 Dicembre 2019

Uno degli elettrodomestici che si sta diffondendo in maniera molto rapida nelle case degli italiani è l’asciugatrice.

L’elettrodomestico sta pian piano sostituendo il vecchio stendino grazie non solo alla rapidità del ciclo, ma anche alla comodità del non dover dipendere più dalle condizioni atmosferiche. Inoltre, è sempre più frequente trovare appartamenti che non hanno un balcone sufficientemente grande o case senza spazi ampi in cui mettere ad asciugare i panni.

L’asciugatrice è una soluzione molto comoda, ma ha alcune esigenze a livello di collocazione a seconda dei modelli che vengono scelti. Ad esempio, alcune potrebbero richiedere uno spazio in cui sia presente uno scarico.

Se hai intenzione di comprare un’asciugatrice, eccoti qui una serie di dritte che ti permetteranno di orientare al meglio la tua scelta.

Come scarica l’acqua l’asciugatrice? 

Prima di capire dove è meglio posizionare la tua lavasciuga, ci sono alcune cose che dovresti sapere sul funzionamento dell’asciugatrice.

Ci sono asciugatrici che producono calore in maniera diversa. Potrebbero farlo tramite una resistenza elettrica e una ventola che diffonde il calore prodotto nel cestello. Oppure, i panni potrebbero essere asciugati grazie a un sistema che funziona come il condizionatore del riscaldamento.

Proprio come esistono diversi modi per produrre il calore, così ce ne sono diversi per scaricare l’acqua che si produce durante il ciclo di asciugatura. In particolare due sono i sistemi che le asciugatrici potrebbero adottare: il sistema di condensazione e quello a evacuazione.

Asciugatrice a condensazione

L’asciugatrice a condensazione è strutturata in modo che l’acqua prodotta durante l’asciugatura venga raccolta all’interno di un contenitore. Questo può trovarsi sia all’interno di un’apposita vaschetta (simile al vano dove metti il detersivo in lavatrice) oppure nella parte inferiore dell’elettrodomestico.

Per un corretto mantenimento dell’asciugatrice, dovresti svuotare questo contenitore ogni volta che si è concluso un ciclo di asciugatura.

Questa è un’asciugatrice senza scarico diretto. Non c’è, infatti, nessun tubo. Di conseguenza, l’elettrodomestico può essere posizionato in qualsiasi parte della casa. L’importante è che non sia una zona esterna. L’asciugatrice, infatti, prende aria da fuori l’apparecchio; se la temperatura risulta troppo fredda, rischia di non scaldarsi abbastanza e di lasciare i panni ancora umidi.

Asciugatrice a evacuazione

Il sistema di scarico a evacuazione, invece, rende l’asciugatrice a scarico diretto. L’acqua prodotta nella fase dell’asciugatura viene fatta uscire dall’elettrodomestico grazie alla presenza di un tubo di scarico che deve essere collegato ad un impianto specifico. È richiesta, quindi, una posizione precisa, non lontana dal muro. Inoltre, un’asciugatrice del genere deve essere messa in un ambiente arieggiato così da permettere la dispersione dell’umidità che si viene a creare dopo l’uso.

È importante che questo tubo non s’intasi, altrimenti si rischia che l’acqua rimanga all’interno dell’apparecchio e renda inefficace il ciclo di asciugatura del bucato.

I problemi legati all’asciugatrice con scarico diretto e all’asciugatrice senza scarico

Si sa che tutte le cose sono destinate a rompersi. Soprattutto quando vengono particolarmente usate.

Gli elettrodomestici che vengono usati molto possono andare incontro a dei guasti, molto spesso dopo che la scadenza della garanzia. L’asciugatrice non viene usata come un frigorifero: non è attiva 24 ore su 24 per tutti i giorni dell’anno. Non è neanche come una lavatrice, visto che in primavera o in estate potresti approfittare del sole o delle temperature alte e stendere i panni al sole. Invece, non laveresti mai a mano un bucato intero, neanche a 40 gradi.

Nonostante possa essere usata meno frequentemente, l’asciugatrice tende a raccogliere molti pelucchi e polvere all’interno dei suoi meccanismi. Quest’accumulo, se non pulito, potrebbe facilmente comportare dei problemi.

Se la tua asciugatrice perde acqua, ad esempio, potrebbe essere a causa dell’accumulo di polvere che ostacola il passaggio dell’acqua condensata. Oppure, potrebbe essersi rotto il tubo. In entrambi i casi,la cosa migliore che tu possa fare è chiamare un tecnico certificato per la riparazione di elettrodomestici fuori garanzia.

Anche se il bucato viene fuori poco asciutto potrebbe essere un problema dei filtri intasati che non consentono una giusta circolazione dell’aria calda.

Asciugatrice senza scarico rotta: chiama il tecnico specializzato

Quando l’elettrodomestico è uscito fuori garanzia e si rompe, si cerca di fare l’impossibile pur di non chiamare il tecnico. Si prova a riparara l’apparecchio da soli, ad esempio. Non è una scelta malvagia, ma è opportuno che tu sappia cosa stai facendo. Se conosci bene il tuo elettrodomestico, le sue componenti e il suo funzionamento, allora ben venga il tuo intervento. In caso contrario, lascia stare. È meglio affidarsi al parere di un esperto che è abituato a trattare con questi problemi.

Un’altra soluzione molto gettonata prende spunto dal famoso modo di dire “Morto un Papa se ne fa un altro”. Rotta un’asciugatrice, se ne va a comprare un’altra. Ciò che è vero per i Papi, non lo è per gli elettrodomestici. Non sempre “rotto” è sinonimo di “irrecuperabile”. Alle volte, basta solo aggiustare il guasto e l’apparecchio vive una seconda vita. Per sapere quante possibilità ci sono di recuperare un’asciugatrice guasta (o qualsiasi altro elettrodomestico), puoi solo affidarti a un tecnico specializzato. Lui solo potrà identificare con sicurezza il danno e trovare una soluzione adeguata.

Se cerchi di riparare piuttosto che lasciarti prendere la mano e buttare via l’apparecchio, avrai reso un gran servizio non solo al tuo portafoglio – perché, ammettilo, non ti costa certo poco comprare un’altra asciugatrice – ma anche all’ambiente. Evitare, finché possibile, di produrre dei rifiuti di grandi dimensioni e di difficile smaltimento dovrebbe essere un dovere civile per tutti noi. Senza contare l’inquinamento prodotto durante le fasi di produzione di un elettrodomestico. Se si smettesse di acquistare con frenesia, ma tutti cercassero di comprare solo quando veramente necessario, forse il nostro pianeta starebbe meglio.

Asciugatrice senza scarico: un modello da conoscere

La Whirlpool è da sempre una marca di valore e su cui puntare quando si deve acquistare un nuovo elettrodomestico. Se stai cercando un’asciugatrice senza scarico, dai un’occhiata al modello HSCX10441.

Si tratta di un elettrodomestico a pompa di calore appartenente a una classe energetica molto alta, la A++. Consuma molto poco e garantisce delle ottime prestazioni. Ha un design elegante e intuitivo ed è molto meno rumorosa rispetto ad altri modelli presenti in commercio. Il cestello ha una capacità molto elevata, quasi unica per il genere. Arriva infatti anche a 10 kg di indumenti.

Infine, è dotata della moderna tecnologia Sesto Senso che collega il prodotto a internet e che ti permette di controllare il ciclo di asciugatura anche da remoto.