800 90 02 90 CHIAMA ORA, SERVIZIO TELEFONICO: LUN-VEN: 08-19 | SAB-DOM: 09-13

Asciugatrice a centrifuga: gira il mondo gira!

13 Dicembre 2019

Il nostro mondo è veloce.

Lo vediamo in tutti i settori. C’è fretta e frenesia in tutte le cose che facciamo. Siamo connessi sempre, a ogni ora della giornata e una delle caratteristiche principali di questa connessione è proprio l’essere raggiungibili in maniera istantanea.

Se da un lato reclamiamo più spazio per noi stessi e tempo da rubare alle ore movimentate che caratterizzano la nostra vita, dall’altro sono sempre più le invenzioni che puntano a velocizzare i tempi.

Un esempio di questo discorso è fornito dall’asciugatrice a centrifuga o asciugatrice a tamburo che dir si voglia.

Cos’è l’asciugatrice a centrifuga

Un’asciugatrice a centrifuga si distingue da tutti i modelli tradizionali di asciugatrice perché ha un elemento che esse non possiedono. Ovviamente, stiamo parlando della centrifuga, come suggerisce anche il nome.

Questo tipo di elettrodomestico non usa i sistemi di riscaldamento dell’aria presenti nelle altre asciugatrici per asciugare i panni, ma la forza del tamburo. La velocità di rotazione di quest’ultimo è tale da privare i capi d’acqua e restituirli completamente asciutti.

L’asciugatrice a centrifuga manda in pensione i vecchi modelli

L’asciugatrice a tamburo è considerata superiore dal punto di vista tecnologico rispetto alle asciugatrici standard. Queste asciugatrici possono funzionare in tre modi: tramite condensatore, pompa di calore o tramite gas.

(si potrebbe mettere l’anteprima dell’articolo Asciugatrice a condensazione o pompa di calore?)

Nel primo caso abbiamo un’asciugatrice che produce calore grazie una resistenza elettrica. L’elettrodomestico a pompa di calore, invece, asciuga i panni mediante un meccanismo di produzione di aria calda simile a quello dei climatizzatori. Infine, il modello a gas riscalda l’aria con l’azione del gas naturale. Perfino gli stendibiancheria elettrici – alternativa più economica ed ecologica alle asciugatrici – si servono del riscaldamento per togliere l’acqua dal bucato.

L’asciugatrice a tamburo, invece, fa a meno del calore e usa solo la forza centrifuga. Questo significa che potrai dire addio all’umidità creata in casa dai tradizionali modelli di asciugatrice. Non usando il calore, l’elettrodomestico a centrifuga rende impossibili la formazione di muffa o l’annerimento delle pareti.

Il tempo che un’asciugatrice del genere impiega per completare un ciclo è molto breve e questo permette anche di economizzare sulla bolletta, soprattutto se l’apparecchio appartiene a una classe energetica alta e consuma poco.

I vantaggi dell’asciugatrice a tamburo

Un vantaggio offerto dall’asciugatrice a tamburo lo abbiamo già menzionato: il tempo.

L’azione della forza centrifuga permette di risparmiare a livello di tempo perché non solo ti evita di stendere i panni, ma anche di stirarli. Infatti, questo tipo di movimento favorisce il dispiegamento delle fibre che compongono i tessuti. In questo modo, una volta usciti dal macchinario, non dovrai fare altro che ripiegare i tuoi vestiti e metterli nei cassetti o nell’armadio, senza passare il ferro da stiro.

Con quest’invenzione, sembra essersi risolto anche il gravoso problema dello stirare, da sempre uno degli incubi più grandi delle casalinghe.

Un altro fattore che va a vantaggio di un’asciugatrice a centrifuga è la mancanza di umidità. Non dovrai più preoccuparti di posizionare il tuo elettrodomestico in un’area arieggiata della casa, né dovrai ricorrere ai ripari ogni volta per cercare di evitare i danni provocati da un ambiente umido.

Gli svantaggi di un’asciugatrice a tamburo: non tutti i capi possono essere asciugati

Non tutti gli indumenti possono essere asciugati all’interno di un’asciugatrce a centrifuga (anche nota come asciugatrice tumbler). Ne uscirebbero rovinati. Ecco perché prima di caricare il tuo elettrodomestico, dovresti buttare un occhio all’etichetta del vestito.

Se vedi un quadrato con all’interno un cerchio sbarrati da una “x”, allora sei davanti al simbolo “no centrifuga”. Questo significa che non puoi asciugare il tuo indumento in un’asciugatrice a tamburo. È molto probabile che troverai quest’icona su panni dai tessuti particolari e delicati, come la seta, il raso, il lino, il pile. Ma potresti trovarlo anche su capi che hanno applicazioni e decorazioni o sono molto elasticizzati. Tutti questi indumenti andrebbero asciugati al naturale, facendo uso dei raggi solari. Anche in inverno, benché possa essere più difficile.

Sarebbe opportuno anche evitare di mettere le scarpe in questo tipo di asciugatrice perché non faresti altro che rovinarle, specialmente le parti in gomma.

Anche le coperte e le giacche in piuma d’oca non dovrebbero rientrare nell’asciugatrice a centrifuga. Lo stesso discorso vale anche per reggiseni, autoreggenti, collant e costumi da bagno.

La centrifuga dell’asciugatrice a tamburo non funziona

Purtroppo arriva sempre il momento in cui bisogna fare i conti con i guasti degli elettrodomestici. Spesso li si vede come una delle dieci piaghe d’Egitto soprattutto quando la garanzia è scaduta. In realtà, dovresti conservare un briciolo di lucidità: è la sola cosa che ti impedirà di fare sciocchezze (come buttare l’elettrodomestico) e di pensare a un’ottima soluzione (chiamare il tecnico specializzato).

Metti caso che non funzioni più la centrifuga della tua asciugatrice tumbler. Sai che potrebbe dipendere da diversi fattori? Potrebbe essere la cinghia di trasmissione che si occupa di azionare il tamburo. Oppure potrebbe trattarsi del motore che si è bruciato a causa dell’eccessivo utilizzo. Ma potrebbe anche essere un problema dell’interruttore della porta.

In tutti e tre questi casi, sostituire il tuo apparecchio con un’altra asciugatrice sarà solo uno spreco di denaro e un rifiuto in più da smaltire per l’ambiente. La soluzione comune a tutti questi problemi è chiamare chi si occupa nella vita della riparazione elettrodomestici fuori garanzia e chiedergli di identificare il problema e di aiutarti a reperire i pezzi di ricambio.

In questo modo, avrai dato una seconda possibilità alla tua asciugatrice, risparmiato notevoli risorse economiche e aiutato la Terra che abiti.